Una settimana balorda

16,00 

Roberto Patruno

In copertina: Maria Gabriella Simonetti, Nudo con sveglia, acquarello, 2014.

Prefazione a cura di Annalisa Insardà

Genere: Narrativa

978-88-97995-79-1 | pp. 304 | 14 × 21 cm | novembre 2014
Categoria: Tag:

Descrizione

Dalla Prefazione di Annalisa Insardà

Storie comuni e, quindi, universali, in cui si fa a meno di suppellettili letterarie per la ricerca del consenso facile. Storie dentro le quali si palesa un linguaggio spesso inequivocabile e scabro, dove si ha anche la sensazione che i personaggi cedano all’autore il punto di vista per reimpossessarsene subito dopo. Storie con segni di demarcazione che rendono intellegibili i caratteri e gli istinti umani – resi però consapevoli e lucidi – che restano il segno animale insopprimibile della nostra evoluzione.

Dall’Introduzione dell’Autore

Nella quotidianità di vite diverse, il rapporto con se stessi e con l’amore può assumere le sembianze di una maschera multiforme dietro la quale al desiderio di un darsi reciproco, se non addirittura del sacrificio altruistico, o del sogno, o dell’abbandonarsi sottilmente masochistico, può sostituirsi l’amore egoistico e cieco in cui la voglia dell’altro, sempre affamata, vorace, carnale è destinata, alla fine, a restare digiuna e insoddisfatta, ovvero cedere il passo a quell’Eros che, quando prevale, può anche annichilire ogni altra forma di sentimento. Attraverso spaccati di vita di dieci personaggi maschili, diversi fra loro, l’autore presenta in questa raccolta alcune modalità di quell’Amore che, comunque sentito, vissuto e interpretato, rimane, senza smentita alcuna, il motore indiscusso di un’Umanità alla perenne ricerca di se stessa.