Kintsugi. Per aspera ad astra

12,00 

Marisa Provenzano

Genere: Poesia

Nota critica di Maria Antonietta Scalzo; In copertina: Elaborazione grafica di Reno Grande.

978-88-99361-97-6 | pp. 72 | 12 × 20 cm | marzo 2018
Categoria: Tag:

Descrizione

Il kintsugi, o kintsukuroi, letteralmente significa “riparare con l’oro”. è una tecnica giapponese che utilizza l’oro, l’argento liquido o la lacca con polvere d’oro per riparare oggetti in ceramica e saldarne assieme i frammenti.
Il Kintsugi ha una metaforica affinità con l’opera del poeta che, inconsciamente, ha nella sua penna quell’oro che può ridare vita e bellezza anche a momenti tristi e bui, a situazioni dell’esistenza che spesso vorremmo cancellare.
La poesia diventa panacea per ‘sanare’ momenti di solitudine, d’infelicità ed il poeta con i suoi versi tenta di raggiungere quella ‘perfezione’ che gli consenta di vivere positivamente in una dimensione rinnovata, recuperando ciò che ‘si è rotto’ e sembrerebbe non avere più valore.