Top_Head
Top_Head2
 

 

 

Rugiada del crepuscolo

Stefano Luchetta

Prefazione di Andrea Napoli; in copertina: Estemporaneo di Sonia Altobianco.

Genere: Poesia

| € 12,00 | 978-88-97995-53-1 | pp. 104 | 12 × 20 cm | febbraio 2014 | ACQUISTA

Breve descrizione dell’opera

Rugiada del crepuscolo può essere intesa come un’opera di formazione, un allestimento spontaneo d’immagini e impressioni costruttive che non rinuncia ad una misura metrica agile in grado di proteggere l’autore, attraverso un effetto di voluta inattualità, dalla realtà avvilente e sregolata in cui fantasia, bellezza e passione non sono che vane parole ormai dissolte nel tempo, da relegare esclusivamente al mondo magico delle idee, senza un’effettiva diffusione in quello materiale dei fenomeni esistenti e quindi prive di qualsiasi valore. Per Luchetta l’immaginazione è tutto, ma è un tutto che tende all’azione e non al mero esercizio onirico; nella poesia, e quindi nell’arte in generale, non deve esserci abdicazione dal visibile e dalla vita, ma partendo dal regno interiore in cui ciascuno di noi è insieme eroe e assassino, re e giullare («I crimini più atroci | si compiono nel sonno») si deve costruire, innalzare, per poi astrarre, nel senso di abstrahere, estrarre fuori quanto di più positivo possa esserci in ogni uomo, garantendo così la persistenza di quella goccia di rugiada autentica ed elementare, rischiarata dalla luce di un tramonto brillante.

Dalla Prefazione di Andrea Napoli

 

 

 

P. IVA 02358950802 © Copyright 2007 Leonida Edizioni. Tutti i diritti riservati.